STORIE SVELATE

Massimo Porcelli fotografo
esposizione a cura di Martina Campese

17 febbraio – 5 aprile
da Mercoledì a Sabato orari 10.30 – 13.30 e 15.00 – 19.00
Domenica orari 10.30 – 13.30

Inaugurazione Sabato 17 febbraio ore 17.00
Workshop Giovedì 8 marzo
Concerto di Steve Litter Sabato 24 marzo ore 18.00 stevelitter.bandcamp.com youtube

L’esposizione è sponsorizzata da Villa Canthus Winery, Fossalta di Piave, VE e RCE Foto, Padova

 

porcelli-cover

porcelli-retro

porcelli-DEPLIANT-1

porcelli-DEPLIANT-2

storie-svelate-invito

Scarica il comunicato stampa

All’interno dello spazio espositivo Arte Spazio Tempo, nel cuore del ghetto ebraico di Venezia, l’associazione GEA è lieta di promuovere la mostra fotografica “Storie Svelate” dell’artista Massimo Porcelli a cura di Martina Campese.

“Storie svelate” estrae dal progetto Solitaire Papier del fotografo Porcelli, alcune delle immagini grazie alle quali è possibile partecipare visivamente al viaggio fisico e mentale effettuato dall’artista stesso. Solitaire Papier è un progetto en chantier in cui, come in un diario, l’artista immortala manifesti abbandonati e solitari nel caos e nella frenesia delle grandi città, come Parigi, luogo in cui tale progetto ha avuto origine.

L’idea alla base della sua ricerca consiste nel dare attenzione a ciò che passa inosservato, ma che possiede inesorabilmente il fascino del passaggio del tempo. Le opere, in effetti, svelano una o più storie che si intrecciano e che, attraverso lo scatto fotografico dell’artista, hanno la possibilità di essere raccontate. La curiosità e sensibilità di Massimo Porcelli fanno emergere ciò che è nascosto nella parte retrostante la prima immagine visibile a tutti, portando alla luce altre possibili storie.

L’esposizione permette di avere una visione ampia e quanto più completa possibile delle molteplici tematiche affrontate dall’artista e che ben si inseriscono all’interno dello spazio e del fascino temporale del ghetto ebraico di Venezia.

Massimo Porcelli è fotografo professionista autore di numerosi scatti inseriti in diversi volumi editi dalla Biblos srl, “Treviso, i luoghi del colore” e “Viaggio nelle Venezie”. Tra le esposizioni ricordiamo: “John Gowdy” presso le Fornaci Bagnin, Treviso e “Solitair Papier” presso Villa Emo, Treviso. Ha partecipato alla Biennale di Fotografia di Bassano del Grappa ed ha ricevuto molteplici riconoscimenti. Dal 2005 tiene corsi di fotografia e organizza workshop in Italia e all’estero.

link: www.tempilenti.com