Emiliano Bazzanella
6 settembre 2019
ore 18

Che cosa significa “misurare” nell’epoca delle tecnologie digitali? Si può parlare ancora di distanze spazio-temporali così come si faceva nel XX° secolo? In un’epoca in cui predomina il discorso della scienza, non corriamo forse il rischio di una nuova quantizzazione globale, a partire dalla natura per finire poi con il singolo individuo? La “misura” tranquillizza un uomo contemporaneo sempre maggiormente vittima di paure più o meno apparenti; ma essa, colta nei suoi due versanti – quello oggettivo o quello soggettivo – rischia lo snaturamento, diventando di conseguenza un mero strumento di controllo e di potere sugli uomini e sulle cose. Uno degli scopi di Size II è allora quello di destabilizzare l’aspetto strumentale della misura per recuperare quello puramente relazionale, ossia pervenire all’idea che “misurare è interagire” senza alcun privilegio per una supposta parte soggettiva e una parte oggettiva. SIZE II costituisce il prosieguo di un progetto nato nel 2005 nel pieno dello sviluppo delle tecnologie digitali.

Approfondisci…